Fondazione Zoé
Il ruolo del farmacista come “comunicatore” di informazioni e consigli verso i pazienti e altri operatori sanitari rappresenta una componente indispensabile della professione come già rilevato nel 1997 dall’Organizzazione Mondiale della Salute nel ReportPreparing the Pharmacist of the Future: Curricular Development”.

I corsi di laurea in Farmacia stanno cambiando per far fronte a questa necessità, ma risulta difficile disegnare un percorso educativo che fornisca agli studenti le necessarie competenze e conoscenze attraverso attività formative, che siano efficaci nel promuovere la comunicazione.
Alcuni ricercatori svedesi e canadesi hanno analizzato gli articoli della letteratura internazionale riguardanti gli interventi formativi nelle facoltà di farmacia per sviluppare le competenze di comunicazione del futuro farmacista.

Dei 61 articoli selezionati, più della metà riguardavano studi americani, 9 erano relativi all’Europa. Da questa analisi è emerso che le competenze maggiormente descritte sono quelle riguardanti la comunicazione interpersonale con il paziente, seguita dall’abilità di scrittura scientifica (piani di cura del paziente, storia clinica del paziente, consigli ai pazienti su carta o per posta elettronica).
Le tecniche utilizzate per insegnare le competenze di comunicazione consistevano principalmente in  simulazioni di comunicazione con il paziente, corsi guidati di esperienza pratica in farmacia, seminari di formazione su argomenti specifici, utilizzo di internet e delle nuove tecnologie. Gli strumenti adottatati per valutare l’efficacia di queste tecniche sono risultati principalmente soggettivi (autovalutazione degli studenti, questionari di fine corso, valutazione del grado di soddisfazione). Per questa ragione, i ricercatori ritengono che l’efficacia di questi interventi rimanga incerta.
Molti degli interventi formativi sulla comunicazione sono risultati frammentari, non legati alle altre attività formative del corso di studi.

Gli autori, pur riconoscendo che la loro analisi è limitata – in quanto, verosimilmente, molta dell’attività formativa sulla comunicazione, che viene sviluppata durante i corsi di studi in farmacia, non è stata ancora oggetto di pubblicazione – concludono che  per avere successo nella formazione delle abilità comunicative del farmacista è importante che questa sia integrata con le diverse attività di apprendimento del piano di studi e che sia attenta alll’evoluzione della complessità della professione.

Fonte: Wallman, 2013. Per approfondimenti.   


 
Articolo nato dalla collaborazione tra la Fondazione Zoé e il CCF – Centro Studi di Comunicazione sul Farmaco dell’Università di Milano, per approfondire la letteratura in materia di Comunicazione della Salute. Vedi pagina Collaborazioni.

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter