Fondazione Zoé

Le relazioni tra coetanei: due psicologi per un progetto di crescita e sperimentazione.

    

Si è concluso, giovedì 10 aprile, il progetto MI METTO NEI TUOI PANNI – La Salute delle Relazioni nella Scuola, avviato a ottobre 2013, in occasione di “Vivere sani, Vivere bene”, che ha coinvolto più di 100 ragazzi all’interno dell’Istituto Comprensivo Torri di Quartesolo di Vicenza, con lo scopo di aiutare gli alunni a comprendere il punto di vista dei propri compagni e a rendere le differenze in classe un’esperienza di reciprocità e arricchimento. 

Al primo appuntamento di ottobre, Silvia Colombo e io (Gabriele Bendinelli, ndr) abbiamo incontrato gli studenti delle cinque classi seconde e abbiamo dato avvio all’attività “La linea delle differenze“, che gli insegnanti hanno portato avanti nella loro didattica fino al mese di aprile. Grazie al lavoro svolto in aula, in questi mesi i ragazzi si sono potuti confrontare sulla propria idea di classe, esplorando le somiglianze e le differenze con i compagni attraverso l’uso delle immagini.  

Ad aprile abbiamo incontrato nuovamente i ragazzi per esaminare insieme a loro il materiale prodotto con le insegnanti. È emerso uno dei temi centrali della preadolescenza: cosa si prova ad essere simili e diversi dagli altri, dentro e fuori dal gruppo. I sentimenti condivisi dagli studenti raccolti in cerchio sono stati i più variegati, da quelli positivi dell’accettazione e dell’appartenenza, a quelli più dolorosi dell’esclusione e della solitudine.

A conclusione del progetto abbiamo quindi sottolineato, insieme agli alunni e agli insegnanti, come l’esercizio all’ascolto e la curiosità verso l’altro, la comprensione e il non giudizio siano delle strade percorribili per essere vicini nella diversità. 

Le insegnanti hanno infine invitato i ragazzi a esprimere un breve scritto a commento del progetto cui hanno partecipato. Eccone alcuni qui sotto, disponibili anche per il download... buona lettura!

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter