Fondazione Zoé

Il tempo della famiglia è il tempo dei legami. Ma quale tipo di legami sono quelli familiari?

Ma è davvero possibile spaiare gli affetti dai legami? Intanto, quando queste due cifre vengono spaiate, gli esseri umani accusano il colpo. Stanno male. Non sarà da pensare che gli affetti inevitabilmente “legano” e che rompere questi legami sia in realtà un attacco alla nostra comune umanità? Non sarà da pensare che la famiglia è propria la forma “alta” di questa testimonianza? Ossia che gli affetti generano legami e che i legami generano affetti, se due esseri umani si riconoscono reciprocamente come tali? 
 
Sì, il tempo della famiglia è prima di tutto il tempo degli affetti e dei legami, perché la famiglia è prima di tutto il modo in cui gli esseri umani cominciano a legarsi profondamente tra di loro. Non sono gli unici legami, quelli della famiglia, s’intende. Ma sono i primi e quelli anche più radicati, perché passano non solo per l’anima, ma anche per il corpo. Diciamo solitamente che sono legami “naturali”. Ma non si fa famiglia se i legami “naturali” non diventano legami spirituali. Un essere umano non si lega ad un altro essere umano senza passare per la propria libertà. Ma cosa può legare una libertà? Solo ciò che è “amabile”, si deve rispondere, perché solo un oggetto d’amore muove un libero desiderio. Perciò i veri legami familiari dovrebbero essere legami d’amore. Cioè affetti. Solo questi sfuggono alla tenaglia della costrizione. Solo questi sono degni della nostra umanità. Il tempo della famiglia è il tempo di questi legami .
 
 

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter