Fondazione Zoé

Vacanza, sinonimo di relax e benessere… Mi chiedo: anche la nostra salute va in ferie?

La salute va in vacanza? Cioé, quando arrivano le vacanze sospendiamo o attenuiamo l’attenzione alla nostra salute, per esempio la dieta o comunque la attenzione alimentare, il sonno regolare, l’esercizio fisico e così via?

La sensazione è che l’idea di stare di più all’aria aperta e di viaggiare costituisca per noi una sorta di benessere di per sé che si associa all’idea di un giovamento alla salute. In realtà accade spesso che la vacanza e il viaggio siano forieri di vari disturbi:da quelli intestinali (cambiamento di alimentazione, acque non garantite nei paesi che si avvicinano all’equatore) a quelli legati a incidenti di viaggio o all’esposizione al sole, per finire con gli inevitabili rischi del mero viaggiare e quindi incidenti ecc..

Non ho statistiche in proposito, ma credo che gli ospedali non siano più vuoti durante le vacanze… Ma di certo l’idea di vacanza, di viaggio, di contatto maggiore con la natura o semplicemente di esplorazione e novità è senza dubbio galvanizzante: ed è forse questo che ci fa associare la vacanza allo “star bene” e quindi all’essere in salute. Rivelando quanto il nostro non sentirci “sani” e in stato di “benessere” dipenda più da una quotidianità noiosa, subita, frustrante, che non da oggettive condizioni di disturbi e malanni. A parte, naturalmente, l’inquinamento delle grandi città: ma spesso ci si sposta in posti in cui l’inquinamento acustico e dell’aria è molto elevato: siete mai stati a Rimini in piena estate?

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter