Fondazione Zoé

 

Il numero degli ipertesi è in continuo aumento: in Italia se ne contano più di 15 milioni, mentre negli Stati Uniti si arriva a ben 80 milioni. Purtroppo, a queste cifre così elevate, si associa spesso anche la difficoltà a individuare una terapia in grado di controllare adeguatamente i valori pressori. La ricerca in questo campo si sta quindi spostando verso nuove strategie: secondo quanto riportato in un articolo apparso di recente sulla rivista JAMA, la più innovativa sembra essere l’applicazione di una medicina personalizzata anche in campo cardiologico.

Finora la cosiddetta precision medicine è stata riservata quasi esclusivamente alla cura dei tumori, area nella quale si è rivelata efficace soprattutto nell’identificare una stretta correlazione fra particolari tipologie neoplastiche e specifiche alterazioni del genoma.

In campo cardiologico la sua applicazione si dovrebbe però spostare dalla genetica all’epigenetica, ovvero a quell’insieme di modificazioni, potenzialmente ereditabili di generazione in generazione, che non intervengono direttamente sulla sequenza di DNA, ma sulla sua struttura, influenzando così l’espressione (e quindi l’attivazione o la disattivazione) di determinati geni. Tali modificazioni possono riguardare solo alcuni tipi cellulari e vengono spesso indotte dall’ambiente esterno, dalla dieta o dallo stile di vita nell’arco di tutta la vita di un individuo (dalla fase embrionale fino alla vecchiaia). Lo studio del profilo epigenetico potrebbe perciò rivelarsi di grande utilità per il trattamento e la prevenzione dell’ipertensione: questa patologia è infatti causata da molteplici fattori, che possono variare in maniera considerevole da paziente a paziente, e che dipendono solo in minima parte da variazioni nella sequenza del DNA.

In questi anni è stata dimostrata un’errata regolazione epigenetica per numerose patologie cardiovascolari; ciononostante, le conoscenze in merito sono ancora in una fase iniziale, soprattutto per quanto riguarda una possibile applicazione in campo clinico. Gli esperti concludono quindi che, perché tale approccio possa portare, sul lungo termine, allo sviluppo di nuovi target terapeutici personalizzati, sia necessario il lavoro congiunto di diverse figure con competenze che devono spaziare dalla clinica, alla ricerca in laboratorio fino all’epidemiologia.

Per approfondimenti: Kotchen TA et al. Ushering hypertension into a new era of precision medicine. JAMA 2016.

e della Salute. Vedi pagina  Collaborazioni.

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter