Fondazione Zoé

Lo scorso 11 febbraio si è tenuto a Roma,  all’Istituto Superiore di Sanità, il workshop AHEAD “Achieving Health through Antimicrobial Stewardship” che ha riunito i principali attori coinvolti sulla comune lotta alla malattie infettive nel nostro Paese, alle antibiotico resistenze e alle infezioni virali: dal Ministero della Salute, all’ISS, alle Società Scientifiche e alle Associazioni di Categoria. L’avanzata delle infezioni è favorita dalla flessione delle coperture che si registra in Europa e in Italia per quasi tutte le vaccinazioni, alcune delle quali sono scese sotto la soglia di sicurezza fissata al 95%. Di seguito un interessante articolo di Simone Valesini che su Repubblica.it commenta i principali risultati del convegno:

Nella seconda metà del secolo scorso la società, la scienza e la medicina sono cambiate profondamente. Germi e virus sembravano finalmente sconfitti e le priorità in campo sanitario, almeno nei paesi industrializzati, sono diventate altre: malattie cardiovascolari, patologie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer, tumori. Abbiamo abbassato la guardia, ammettono gli esperti, e oggi le malattie infettive tornano a colpire, facilitate dal crollo delle vaccinazioni. Nemici che conosciamo bene, come l’influenza, con i suoi cinque milioni di casi ogni anno, le polmoniti che ne uccidono 10mila, epatite B, C, Hiv e Hpv. Ma soprattutto nuovi pericoli come quello dei superbatteri resistenti agli antibiotici, emergenza che ci vede maglia nera nel panorama europeo. Per fortuna, sembra che il paese si stia attrezzando: innanzitutto con il nuovo piano nazionale prevenzione vaccinale, che offrirà la più completa copertura vaccinale pubbliche al mondo. E poi con il nuovissimo piano nazionale contro la resistenza agli antibiotici, che dovrebbe vedere la luce già in primavera. Ad annunciarlo è Ranieri Guerra, Direttore Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute, in occasione del workshop “Ahead, Acheaving Health Trough Anti-infective Defense”, organizzato oggi a Roma da Msd italia.

“Al momento il piano è pronto, e attendiamo solamente un parere dell’Ecdc, l’autorità europea che si occupa di sorveglianza e prevenzione sanitaria”, spiega Guerra. “La versione finale comunque è attesa per la primavera di quest’anno, e successivamente si provvederà alla condivisione con le regioni, alla sua approvazione e all’uniforme applicazione su tutto il territorio nazionale”. Manca ancora qualche mese quindi, ma presto l’Italia dovrebbe munirsi delle armi necessarie per combattere questa importante battaglia. Uno scontro, spiega Guerra, che richiede un approccio “One Health”, ovvero uno sforzo congiunto di più discipline professionali: dai medici ai veterinari (perché spesso la resistenza si sviluppa negli allevamenti animali), al settore agroalimentare, all’economica e la comunicazione.

Il piano nazionale messo al punto dal Ministero prevede quindi interventi in diverse aree strategiche. Innanzitutto quella della comunicazione e dell’educazione dei cittadini e degli specialisti. Per il personale medico si tratta poi di combattere la prescrizione troppo liberale degli antibiotici (il cui uso scorretto aumenta il rischio che si sviluppi la resistenza), potenziare le capacità diagnostiche per individuare velocemente il farmaco più appropriato, razionalizzare le strutture ospedaliere e contrastare le cattive abitudini che favoriscono la trasmissione di superbatteri negli istituti di cura. Mentre per i cittadini la chiave è comprendere quando, e come, assumere i farmaci nel modo corretto. Evitando le “farmacie casalinghe”, in cui accumuliamo farmaci avanzati, e da cui abbiamo la tendenza ad attingere (spesso a sproposito) in caso di malanni. Il cuore del piano riguarda infatti la cosiddetta antimicrobial stewardship: cioè gli interventi in grado di garantire il miglior utilizzo degli antibiotici, in termini di appropriatezza ed efficacia. Accanto a queste iniziative, il Ministero prevede il rafforzamento delle attività di sorveglianza e della prevenzione e il controllo delle infezioni,e un aumento del sostegno alla ricerca e allo sviluppo di nuovi antibiotici. “Le azioni necessarie – sottolinea Guerra – non sono prive di costi nell’immediato, ma già nel prossimo futuro permetteranno un importante risparmio economico e di vite umane”.

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter