Fondazione Zoé

Formazione per la scuola e per i genitori

 Bambini in salute: corso di prevenzione pediatrica

Fondazione Zoé, in collaborazione con l’Ulss 6 e    l’Osservatorio Regionale Veneto della patologia in età pediatrica, presenta:

Mercoledì 3 dicembre, ore 16 – 18
Prevenzione degli incidenti domestici e su strada nei minori 

Mercoledì 17 dicembre, ore 16 – 18

Disostruzione delle vie aeree in età pediatrica e tecniche di rianimazione di base

Dopo la positiva esperienza di luglio, Zoé ripropone il corso di prevenzione pediatrica: due lezioni teorico-pratiche sulle tecniche di rianimazione dei bambini, sul trattamento dell’ostruzione delle vie aeree e sulla prevenzione degli incidenti domestici e su strada.

Scoprire, sperimentare, muoversi e interagire con l’ambiente circostante…fa tutto parte della sana istintività dei bambini e del loro desiderio di fare esperienze nuove. I piccoli incidenti rientrano in questo processo di crescita ed esplorazione, ma è necessario evitare ai bambini infortuni più seri, che possono avere un grave impatto sulla loro salute. Le statistiche dimostrano come gli incidenti siano la prima causa di mortalità e disabilità in età pediatrica e richiamano ad un approccio consapevole da parte di genitori, familiari ed educatori. Combinando teoria e pratica, il corso “Bambini in salute: corso di prevenzione pediatrica” affronta le tematiche sulla sicurezza infantile, fornendo le linee guida sulle manovre salva-vita, sfatando qualche mito e soffermandosi sugli accorgimenti da adottare nel quotidiano.

PRIMA LEZIONE

Per la prima lezione, che si terrà mercoledì 3 dicembre, nella sede della Fondazione Zoé, interverrà la dottoressa Silvia Manea  dell’Osservatorio Regionale Veneto della Patologia in età pediatrica. La curiosità e il desiderio di bambini di fare esperienze nuove sono fattori importanti per la crescita, che però espongono i piccoli anche ai pericoli. Le statistiche mostrano come gli incidenti siano tra le principali cause dei problemi di salute dei bambini. Quest’incontro ha l’obiettivo di accrescere la percezione e le conoscenze di famiglie, educatori ed operatori sui fattori di rischio, le strategie di prevenzione e le fasi di intervento.

SECONDA LEZIONE
La seconda lezione, mercoledì 17 dicembre, sempre in Zoé, tratterà il tema dell’ostruzione delle vie aeree, evento piuttosto frequente in età pediatrica. La dottoressa Maddalena Facco, dell’unità operativa di Pediatria e Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale San Bortolo di Vicenza, ci illustrerà come il rapido riconoscimento e trattamento possa prevenire conseguenze gravi, anche fatali. Oltre ad alcuni utili strumenti per identificare l’emergenza, l’incontro fornirà le linee guida sulle manovre di disostruzione e rianimazione cardiopolmonare pediatrica di base.

DESTINATARI DEL CORSO

 

Il corso, a partecipazione gratuita, si rivolge a mamme e papà, ad insegnanti di asili nido e scuole elementari, a nonni e baby sitter e a tutti coloro che quotidianamente si rapportano con i bambini.
È ammessa la frequenza anche alle singole lezioni.
Per informazioni: 0444.325064 o info@fondazionezoe.it.
 
  Corso di Massaggio Infantile

 Corso di Massaggio Infantile

Il forte interesse suscitato durante l’incontro di ottobre “Il respiro delle mamme” in occasione di “Vivere sani, Vivere bene 2012”, a cui si erano presentati numerosi genitori con piccoli al seguito, curiosi di imparare l’arte di massaggiare il proprio bebè fin dai primi respiri, ha convinto la Fondazione a proseguire il progetto anche per il 2014. Dopo i 3 cicli di corsi di massaggio infantile attivati con successo tra gennaio e luglio 2013, Zoé ha proposto anche per il 2014 tre cicli di 5 incontri settimanali a gennaio, marzo e giugno.I corsi sono gratuiti e vengono svolti nella sede di Corso Palladio 36 con insegnanti certificate AIMI – Associazione Italiana massaggio infantile. Possono partecipare tutte le mamme o i papà di bambini da 0 a 8 mesi. Il calendario degli incontri viene definito in base alle esigenze e disponibilità dei partecipanti.

Per qualsiasi informazione potete contattarci al numero 0444 325064 o scrivendo una mail a info@fondazionezoe.it

 

Il massaggio del bambino è un’antica tradizione presente nella cultura di molti paesi che recentemente è stata riscoperta e si sta espandendo anche nel mondo occidentale. Non una tecnica ma un modo di stare con il proprio bambino, entrando in contatto e comunicando con lui: ogni genitore può apprenderlo facilmente e adattarlo alle esigenze del bambino, fin da piccolo e durante le diverse fasi della sua crescita. I benefici sono numerosi: favorisce lo stato di benessere del bambino; stimola, fortifica e regolarizza il sistema circolatorio, respiratorio, muscolare, immunitario, gastro-intestinale e l’apparato sensoriale; rafforza la relazione genitore-bambino.

 Tutto esaurito a “Benvenuti scarabocchi”

Se da un lato la scuola pone mille interrogativi, tra riforme dei cicli scolastici e sostegno finanziario sempre più ridotto dell’amministrazione centrale, gli insegnanti hanno una gran voglia di formazione.

Almeno così sembra guardando al tutto esaurito registrato dal convegno “Benvenuti scarabocchi“, organizzato da Zoé e l’arch. Maria Pia Sala, sulle origini dell’atto del tracciare così come studiate daArno Stern. Davanti ad un centinaio di partecipanti, Miranda Magni ha spiegato con esempi e figure la teoria della Formulazione che lo studioso tedesco ha cominciato a diffondere fin dagli anni ’50 e nella quale vi è la convinzione che l’essere umano ha in sé fin dalla nascita la necessità interiore di esprimere la propria memoria organica attraverso i segni e le tracce. Questi vengono liberati dalla loro funzione estetica e comunicativa e, in particolare nel disegno dei bambini, soddisfano necessità inappagate diventando un gioco che è equilibrio e pienezza della personalità.

La Formulazione viene messa in pratica all’interno dei Closieu, spazi specifici in cui gli individui, piccoli o adulti che siano, possono lasciarsi andare a tale gioco.
Nel corso del convegno Miranda Magni e Maria Pia Sala hanno condiviso con il pubblico le loro esperienze, stimolato l’osservazione dei meccanismi e illustrato le potenzialità scientifiche e pedagogiche della teoria di Stern.

Se siete interessati all’Atelier della traccia, vi invitiamo a visitare il sito di Maria Pia Sala:
www.atelierdellatraccia.com

 

 “Missione Respiro”: i volontari di Zoé tra i banchi delle elementari 

Il team di volontari Zoé torna in classe con una missione: trasmettere ai bambini dai 7 ai 9 anni l’importanza del respiro.

Tra novembre e dicembre 2011 infatti si è svolto il programma didattico “Missione Respiro” che ha visto i volontari impegnati in un ciclo di incontri formativi in alcune scuole elementari della città.

Attraverso giochi, esercizi fisici, simulazioni e lavori in gruppo, “Missione Respiro”,  già collaudato con successo negli anni passati da parte degli esperti aziendali di Zambon, sperimenta un percorso di educazione alla salute dedicato agli studenti delle classi seconde e terze della scuola primaria.

Lavori fatti in classe dagli alunni durante il progetto.
Sostenere i giovani nella loro formazione e sensibilizzare gli studenti ad apprendere alcuni  comportamenti importanti per la loro salute rientra tra gli obiettivi di funzione sociale che il Team di volontari Zoé si è prefisso fin dagli inizi.
Entusiasti i commenti dei volontari che attraverso questo progetto hanno potuto approfondire temi molto importanti per la salute, in particolare, dell’apparato respiratorio, incoraggiando nei bambini la capacità di valutare il proprio ambiente di vita, e sperimentando un modo innovativo di insegnare divertendo e divertendosi.

 Corso di fotografia per ragazzi al centro didattico

Continuano le iniziative proposte da Zoé al centro didattico – pedagogico di Vicenza. Dopo il successo con cui i bambini hanno accolto il laboratorio “L’ambiente e la Chimica”, è stata la volta del “Corso base di Fotografia”, rivolto a ragazzi di età compresa tra i 14 e i 18 anni.
Il corso, tenuto nel 2011 da Angelo Nicoletti – uno dei volontari del team Zoé – si è svolto ogni giovedì per un totale di otto incontri, in cui si sono approfonditi i concetti base della fotografia.

Le prime lezioni hanno introdotto alla conoscenza della macchina fotografica, per iniziare ad avere confidenza con lo strumento di lavoro.

Il programma è proseguito quindi con delle lezioni dedicate al processo di ripresa fotografica, a come archiviare le immagini digitali e correggere gli errori di ripresa con uno specifico programma di fotoritocco. L’entusiasmo dei ragazzi si è manifestato fin dalla prima lezione, in cui è da subito emersa la voglia di mettersi in gioco e di sperimentare, anche con lezioni pratiche.

 Laboratorio “L’ambiente e la chimica” al centro didattico

Come interagiscono l’ambiente e la chimica? Com’è influenzata la nostra vita dai prodotti di sintesi? Potremmo vivere senza l’apporto della chimica?

A queste e ad altre domande hanno risposto 6 chimici dello stabilimento Zach di Lonigo ai ragazzi di 4° e 5° elementare in altrettanti laboratori organizzati dalla Fondazione Zoé al Centro didattico-pedagogico di Vicenza.
Le lezioni, che si sono svolte nel mese di ottobre e novembre 2011 con un’introduzione del responsabile R&D Livius Cotarca dal titolo “Tutti pazzi per la chimica”, hanno visto la partecipazione di ragazzi tra i 9 e gli 11 anni.
L’obiettivo è motivare la loro curiosità sul mondo che viviamo, stimolando gli alunni a porsi delle domande ed allo stesso tempo, in modo simpatico e divertente, avvicinarsi dell’apprendimento delle materie scientifiche. La seconda e terza lezione hanno trattato nozioni generali della chimica (l’aria, l’acqua, i solidi, le sostanze, le trasformazioni), mentre le ultime 3 son entrate nel dettaglio dei processi, parlando di molecole, energia, trasporti e molto altro ancora.
I docenti, che con entusiasmo si sono resi disponibili e hanno usufruito di materiale di supporto di Zoé e di Federchimica (Il 2011 è “L’Anno della Chimica”), sono Paolo Maragni, che ha progettato il corso, Raffaella Volpicelli, Ilaria Munari, Franco Massaccesi, Massimo Lucentini e Massimo Verzini.

 Medicina dello sport: un corso di aggiornamento

“Sport, asma e allergie: implicazioni, relazioni, aggiornamenti”.
E’ questo il tema del corso di medicina dello sport organizzato dal Centro Minibasket San Giuseppe in collaborazione con la Fondazione Zoé. Relatore dell’appuntamento l’allergologo Enrico Minchella che, riprendendo alcuni dei temi trattati lo scorso ottobre all’interno dell’evento “Vivere sani, Vivere bene”, ha parlato del rapporto tra attività sportiva e cura delle patologie respiratorie.
A seguire, una relazione di Alberto Pan, formatore, che ha spiegato la “Programmazione nel passaggio dalla categoria Esordienti all’Under 13”.

Il corso si è inserito infatti in un programma più ampio di clinic di aggiornamento previsto in occasione del torneo nazionale di minibasket esordienti “Bertilla 50 – 10 anni di minibasket”.