Fondazione Zoé

ENZO SORESI

soresi1-1Studioso di neurobiologia, Primario Emerito di Pneumologia dell’Ospedale Niguarda di Milano, direttore scientifico di “Our Common emotion” (Associazione per la promozione sociale, ricerca e pragmatica della Sostenibilità Emozionale, Enzo Soresi è autore di numerose pubblicazioni tra cui  il best-seller “Il cervello anarchico” , “Guarire con la nuova medicina integrata” , “Mitocondrio mon amour. Strategie di un medico per vivere meglio e più a lungo”, Cura il blog Neurobioblog # Connessioni cervello, mente e corpo.

MASSIMO CACCIARI

0_cacciari_1Filosofo e accademico, Massimo Cacciari è Professore di Pensare Filosofico e Metafisica all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, di cui è stato fondatore e preside. Ha pubblicato numerose opere e saggi, tra i quali meritano una particolare attenzione: “Krisis” (1976); “Pensiero negativo e razionalizzazione” (1977); “Dallo Steinhof “ (1980); “Icone della legge” (1985), “L’angelo necessario” (1986), “Hamletica”, (2009). La sua ricerca teoretica si concentra nel “trittico” costituito dalle opere “Dell’Inizio” (1990); “Della cosa ultima” (2004) e “Labirinto filosofico”(2014). Tra le pubblicazioni più recenti: “Doppio ritratto. San Francesco in Dante e Giotto” (Adelphi, 2012); “Il potere che frena” (Adelphi, 2013); “Filologia e filosofia” (Bononia University Press, 2015); “Re Lear. Padri, figli, eredi” (Saletta dell’Uva, 2015); “Occidente senza utopie” (con Paolo Prodi – Il Mulino, 2016). Dal 1993 al 2000 è stato Sindaco di Venezia.

FRANCESCA MUGNAI

mugnaiLaureata in Filosofia e Scienze Psicologiche, Francesca Mugnai è direttrice del Centro di Pet Therapy Antropozoa di Castelfranco di Sopra (Arezzo) e responsabile (dal 2002) del interventi assistiti con gli animali dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer di Firenze, uno dei pochissimi ospedali pediatrici in cui la pet therapy fa parte del protocollo ufficiale di accoglienza e cura dei piccoli pazienti. Tra i riconoscimenti ottenuti in ambito scientifico si segnala quello ricevuto nel 2010 al Congresso Internazionale IAHAIO (International Conference on Human-Animal Interactions ) di Stoccolma per l’attività con gli animali condotta nel reparto di Oncoematologia del Meyer.


ANDREA ZORZI

zorziPallavolista, 2 volte campione del mondo (1990, 1994) e 3 volte campione europeo (1989, 1993, 1995) ha partecipato a 3 Olimpiadi (Seoul 1988, Barcellona 1992 ed Atlanta 1996) conquistando la medaglia d’argento ad Atlanta. Con i club ha vinto: 2 scudetti (1990 – 1994), 2 Coppe Italia, 4 Coppe delle Coppe, 3 Supercoppe Europee, 3 Campionati Mondiali, 1 Coppa Campioni. Dopo il ritiro nel 1998 ha seguito il progetto Kataklò, la compagnia di physical theatre che si esibisce nei teatri di tutto il mondo. Dopo le esperienze maturate con RAISPORT, TMC, TELE+, collabora con SKY SPORT seguendo gli sport olimpici e il calcio. Collabora con la FIVB (Fédération Internationale de Volleyball), il sito web del Sole24ore, Radio 24, La Gazzetta dello Sport, Gazzetta.it, Al Jazeera Sport. In collaborazione con RAINEWS e Gazzetta.it ha realizzato Tracce di sport: un viaggio per lʼItalia per fotografare lo stato di salute dello sport italiano attraverso le interviste ai grandi campioni, ai rappresentanti delle istituzioni e dellʼassociazionismo. Collabora con la SDA Bocconi, con il MIP del Politecnico di Milano in qualità di formatore, utilizzando la sua esperienza di atleta nei corsi di formazione per manager dʼazienda. Nel Dicembre 2012 ha debuttato come attore nello spettacolo di narrazione teatrale “La leggenda del pallavolista volante“ con Beatrice Visibelli e con la regia di Nicola Zavagli. 

ALBERTO OLIVERIO

olivieroProfessore emerito di Psicobiologia all’Università La Sapienza di Roma, Alberto Oliverio  lavora nel campo delle basi biologiche del comportamento. Ha lavorato in numerosi istituti di   ricerca internazionali tra cui il Karolinska di Stoccolma, Il Brain Research Institute dell’UCLA a Los Angeles, il Jackson Laboratory nel Maine, il Center for Neurobiology of Learning and Memory dell’Università di California a Irvine. Dal 1976 al 2002 ha diretto l’Istituto di Psicobiologia e Psicofarmacologia del CNR e dal 2007 al 2009 il Centro di Neurobiologia Daniel Bovet dell. Università La Sapienza. Fa parte del comitato editoriale di diverse riviste scientifiche, ha organizzato e partecipato a numerosi congressi nel campo delle neuroscienze e della biologia del comportamento e, più in generale, dei rapporti tra scienza e società. E’ autore di oltre 400 pubblicazioni scientifiche, di saggi professionali, didattici e di divulgazione tra cui “L’arte di ricordare” (Rizzoli 1998); “Esplorare la mente” (Raffaello Cortina, 1999); “La mente”, (Rizzoli 2001); “Prima lezione di neuroscienze” (Laterza, 2002); “Dove ci porta la scienza” (Laterza, 2003); “Le età della mente” (con Anna Oliverio Ferraris – Rizzoli 2004); “Geografia della mente” (Raffaello Cortina, 2008); “La vita nascosta del cervello” (Giunti 2009); “Cervello” (Bollati Boringhieri, 2012);  “Immaginazione e memoria” (Mondadori Università, 2013); “Più forti delle avversità” (con Anna Oliverio Ferraris – Bollati Boringhieri 2014); “Neuropedagogia. Cervello, esperienza, apprendimento” (ebook, Giunti, 2015). 


DANIELA OVADIA

ovadiaGiornalista scientifica e neuro-eticista, Daniela Ovadia è docente di Neuropsicologia Forense e Neuroetica all’Università di Pavia. E’ impegnata nel progetto europeo PROTON  che mira a disegnare un modello predittivo del comportamento criminale nelle organizzazioni a delinquere e nel terrorismo. Come giornalista è direttore scientifico di “Fondamentale” (la rivista dell’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) e scrive per numerose testate tra cui “Le scienze”, “Mente e Cervello”, “Focus”, “Wired” “Corriere della Sera”, “L’Espresso”. E’ titolare del blog di neuroscienze “Mente e Psiche” .  All’Università di Pavia è fondatrice e condirettrice del “Neuroscience and Society Lab, Department of Brain and Behavioral Sciences” il cui obiettivo è analizzare l’impatto delle scoperte neuroscientifiche  sulla società con particolare attenzione agli aspetti etici e legali e collabora con lo “European Center on Law, Science and New Technologies” nell’ambito dell’intersezione tra neuroscienze e legge, della neuroetica, della ricerca e dell’innovazione responsabile nei settori della robotica e dell’intelligenza artificiale.


ALESSANDRO TREVES

trevesDocente alla SISSA, la Scuola Internazionale Superiore di Studi avanzati di Trieste, e visiting professor al Centro per la Biologia della Memoria di Trondheim (Norvegia), Alessandro Treves si occupa principalmente dei meccanismi di formazione della memoria e delle basi neurali del linguaggio. Nato a Viareggio nel 1960, ha studiato a Yale, a Firenze e a Roma, dove si è laureato nel 1985 con una tesi di fisica teorica. Durante il PhD, a Gerusalemme, si è appassionato alle reti neurali, sotto la guida di Daniel Amit, completando il passaggio alle neuroscienze con un postdoc a Oxford, nel laboratorio di Edmund Rolls. Alla SISSA dirige il progetto LIMBO (Liminar Investigations of Memory and Brain Organization), le cui ricerche sono direttamente connesse con quelle premiate nel 2014 con il Nobel per la Medicina attributito a John O’Keefe, May-Britt ed Edvard Moser. Treves è consigliere per gli affari scientifici presso l’Ambasciata d’Italia a Tel Aviv ed è attivamente impegnato a promuovere la scienza come strumento per favorire il dialogo tra diverse culture. 

ROSA MARIA MORESCO

Professore Associato alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano Bicocca, Rosa Maria Moresco è ricercatore all’Istituto di Bioimmagini e Fisologia Molecolare del CNR e capo-servizio della Preclinical PET facility del Centro di Imaging Sperimentale (CIS) dell’Ospedale San Raffaele di Milano. Fa parte dell’Associazione Italiana di Medicina Nucleare e della Society for Molecular Imaging.


VINCENZO BALESTRA

balestraPsicoterapeuta sistemico-relazionale, padre di tre figli e nonno di tre nipotini, Vincenzo Balestra è Primario di Psichiatria, Direttore del Dipartimento Dipendenze – Servizio Territoriale per le Dipendenze (SerD) della ULSS 6 di Vicenza. Il Dipartimento che si occupa di prevenire, curare e riabilitare gli stati di dipendenza patologica, in particolare da sostanze psicotrope e da alcol, e di diffondere una cultura della vita senza droghe legali e illegali. E’ socio della SITF (Società Italiana di Terapia Familiare) e dell’AIMS (Associazione Internazionale di Mediazione Sistemica).

CRISTIANA DUREGON

Psicologa e psicoterapeuta, membro dell’Associazione Kairos Donna , Cristiana Duregon si è laureata in Psicologia Clinico-Dinamica e specializzata in Psicologia Clinica a Padova. Le sue ricerche sono focalizzate su infanzia e adolescenza, in particolare in relazione alle esperienze traumatiche che deviano e disturbano il normale percorso di crescita. Dal 2006 al 2011 ha svolto attività clinica e di ricerca presso il Centro I Girasoli di Padova, servizio di secondo livello per la cura e la protezione di bambini e ragazzi con abuso sessuale, maltrattamento fisico e psicologico. Ha collaborato con l’ULSS 16 nell’ambito del progetto Clessidra per la prevenzione nella lotta contro la droga; è stata Psicologa Scolastica in alcuni istituti del padovano e ha fondato e diretto servizi di consulenza psicologica per famiglie in difficoltà. Come libera professionista si occupa principalmente di sostegno alla genitorialità, valutazione e trattamento psicoterapeutico per minori, adolescenti e adulti. 


STEFANO MANCUSO

mancuso_stefano01Tra le massime autorità mondiali nel campo della Neurobiologia Vegetale, Stefano Mancuso è Professore associato presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Firenze e accademico ordinario dell’Accademia dei Georgofili. Dirige il Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale ed è membro fondatore della International Society for Plant Signaling & Behavior. Nel 2012, invitandolo a Next, “La Repubblica” ha inserito il suo nome nella lista dei 30 italiani destinati a cambiarci la vita. Ha al suo attivo più di 250 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali. Ha inoltre pubblicato per i tipi di Giunti i volumi “Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale”(2015); “Biodiversi”  (con Carlo Petrini, 2015); “Uomini che amano le piante” (2014).

FRANCESCO MALAVOLTA

malavoltaUnico fotografo al seguito dell’Agenzia dell’Unione europea per il controllo delle frontiere FRONTEX, Francesco Malavolta è un fotogiornalista che da anni si dedica alla documentazione delle migrazioni collaborando con l’UNHCR (Agenzia Onu per i rifugiati), OIM (Organizzazione internazionale per le migrazioni) e con agenzie di stampa internazionali come Associated Press. Ha iniziato a seguire i fenomeni migratori all’inizio degli anni Novanta, quando nel porto di Brindisi si trovò a fotografare il grande esodo dall’Albania. Da qui la voglia di scoprire cosa spingesse le persone a lasciare le proprie case, le proprie città e soprattutto quali storie ci fossero dietro i loro volti. In vent’anni ha documentato tutti i margini dell’Europa, dallo stretto di Gibilterra fino a Evros, dalle isole di Lesbo e Lampedusa alla rotta balcanica.

Le sue foto sono visibili su www.francescomalavolta.com 


LUCA TELESE

teleseGiornalista, noto al grande pubblico per la conduzione di trasmissioni televisive di successo come In Onda (La7) e Matrix (Canale5), Luca Telese ha scritto per Il Messaggero, Il Foglio, Panorama, Il Corriere della Sera, Il Giornale e Il Fatto Quotidiano. E’ autore di libri, tra cui “La lunga Marcia di Sergio Cofferati” (Sperling & Kupfer 2003), “Lula! Storia dell’uomo che vuole cambiare il Brasile e il mondo” (con Oliviero Dottorini – Castelvecchi 2003), “Cuori neri” (Sperling & Kupfer 2006) “Qualcuno era comunista” (Sperling & Kupfer 2009),  La marchesa la villa e il cavaliere” (Aliberti 2011) e Gioventù amore e rabbia” (Sperling & Kupfer 2011). Sempre per la Sperling ha curato una collana intitolata “Le radici del presente”, che si occupa di raccontare il passato prossimo dell’Italia “quello che per i giornali è vecchio, per i libri di storia è prematuro e per noi è interessante”.

Per approfondire: www.lucatelese.it/

MASSIMO CORBO

Neurologo, già ricercatore presso la Columbia University di New York, Massimo Corbo è direttore Scientifico di CCP – Casa Cura Policlinico (Milano), Centro Ospedaliero per la Riabilitazione Intensiva Neurologica ad Alta Complessità. Dal 2008 al 2013 è stato Direttore Clinico del Centro NEMO (NEuroMuscular Omnicentre), centro multi-disciplinare finalizzato alla cura delle Malattie Neuromuscolari dell’Ospedale Niguarda Ca’ Granda a Milano.

  

RENATA PEREGO 

Medico specialista in Immunologia Clinica, Renata Perego è esperta di comunicazione ed editoria scientifica e medical writer.

  

PIERO BARBANTI

Docente di Neurologia presso l’Università La Sapienza di Roma, Piero Barbanti è Direttore dell’Unità per la Cura e la Ricerca su Cefalee e Dolore dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma e Presidente dell’Associazione Italiana per la lotta contro le Cefalee. Nel 2016 ha pubblicato, insieme a Emilio Jirillo, ‘Mangia sano che ti passa. Nutrizione e mal di testa: miti, scienza e novità” (qui un estratto dedicato al cioccolato: http://www.gruppocic.com/pdf/preview_libro/4499/index.html) E’ anche membro del Comitato Scientifico della trasmissione televisiva di RAI3 “Geo & Geo”.

  

NICOLETTA CARBONE

Giornalista specializzata in scienza e divulgazione, conduce la trasmissione di Radio24 “Cuore e denari”. Ha collaborato a settimanali, mensili e programmi radiofonici con rubriche di alimentazione, benessere e medicina. Ha curato con medici e nutrizionisti la realizzazione di appuntamenti e corsi su temi relativi allo stile alimentare. Consulente di progetti editoriali per case editrici scientiche, dal 1999 ha collaborato all’ideazione e alla stesura di testi per il programma Essere e Benessere, di cui è diventata anche conduttrice nel 2005.

  

LORENZO COGO

Con la sua stella Michelin ottenuta a soli 25 anni, Lorenzo Cogo è il più giovane chef stellato d’Italia. A 20 anni, dopo il diploma conseguito a Recoaro e un’esperienza lavorativa a Milano, si è spostato all’estero e ha lavorato alcuni dei più importanti ristoranti al mondo in Australia, a Tokyo, a Londra, nei Paesi Baschi e in Danimarca. Da questa estate il suo ristorante El Coq è arrivato nel cuore di Vicenza dopo cinque anni di attività in provincia, a Marano Vicentino.

  

PAOLO LEGRENZI

Psicologo e accademico, Paolo Legrenzi è Professore Emerito di Psicologia Cognitiva all’Università Ca’ Foscari di Venezia di cui coordina il Laboratorio di economia sperimentale. Dopo aver studiato psicologia del pensiero a Londra sotto la guida di Peter Wason e Philip Johnson-Laird è diventato professore ordinario all’Università di Trieste nel 1974. In seguito ha insegnato e fatto ricerca presso l’Università Statale di Milano, l’Università di Ginevra, di Parigi XIII, di Provenza, di Princeton, dell’University College Londra (permanent honorary visiting professor), la Scuola S. Anna di Pisa, la Facoltà di Psicologia del San Raffaele, la Scuola Superiore di Pavia e presso l’Ateneo IUAV di Venezia. E’ stato presidente del Comitato ordinatore dell’Università Vita-Salute San Raffaele, del Nucleo di Valutazione della Scuola S. Anna di Pisa, membro del nucleo di valutazione de l’Institut Universitaire de France e della Rete dell’Alta Formazione dell’Università di Bologna. E’ membro della Commissione per il premio Lévi-Strauss del Collège de France. E’ socio corrispondente residente dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti, dell’Associazione il Mulino (membro del Comitato Editoriale) e dell’American Psychological Association. E’ Presidente del Comitato per l’educazione e la comunicazione finanziaria di Patti Chiari/ABI. Ha scritto diversi articoli pubblicati sulle riviste internazionali e numerosi libri. Tra i più recenti: “L’economia della mente. Come evitare le trappole che fanno perdere soldi”(con Armando Massarenti, Ed. Raffaello Cortina, 2016); “La buona logica. Imparare a pensare”   (2015); “6 esercizi facili per allenare la mente” (2015); “Fondamenti di psicologia generale” (2014); “Perché gestiamo male i nostri risparmi” (2013); “Storia della psicologia” (2012).

ROBERTO CACCIAPAGLIA

roberto_cacciapaglia-3Roberto Cacciapaglia nasce a Milano. Si diploma in composizione presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” della sua città sotto la guida di Bruno Bettinelli, dove studia anche direzione d’orchestra e musica elettronica. In quegli anni lavora allo studio di Fonologia della Rai e collabora con il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) di Pisa studiando le applicazioni del computer in campo musicale. Protagonista della scena musicale internazionale più innovativa per la sua musica che integra tradizione classica e sperimentazione elettronica, da lungo tempo conduce una ricerca sui poteri del suono, nella direzione di una musica senza confini che si esprime attraverso un contatto emozionale profondo. Il maestro riscuote grandi successi nelle sue esibizioni dal vivo, non solo in Italia. Ne è testimonianza il tour che intraprende in Russia, con tappe a Mosca – International House of Music, e a San Pietroburgo – Beloselskih- Belozerskih Palace, con un’accoglienza straordinaria da parte del pubblico russo. Seguono i concerti a Barcellona, Bratislava, Ankara Piano Festival e Istanbul, dove tiene anche alcuni seminari e workshop presso il Turkish Music State Conservatory. Dal lungo sodalizio artistico intrapreso con la Royal Philharmonic Orchestra, prendono vita i suoi CD: “QUARTO TEMPO” (Universal Music – 2007); “CANONE DEGLI SPAZI” (Universal Music – 2009); “TEN DIRECTIONS” (Sony Music – 2010). “TREE OF LIFE”, il suo ultimo lavoro discografico, contiene “Tree of Life Suite”, la Musica composta per il night show dell’Albero della Vita – EXPO 2015. Pubblicato il 26 Maggio 2015 da Believe Digital entra subito al primo posto della classifica di musica classica su iTunes, dove rimane in prima posizione per vari mesi. E’ stata eseguita in concerto con l’Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala in anteprima assoluta presso l’Open Air Theatre per la celebrazione di EXPO 2015. Roberto Cacciapaglia ha presentato le proprie composizioni nei teatri più prestigiosi e per le istituzioni più famose sia in Italia che all’estero, fra gli altri: Teatro Comunale di Bologna, Conservatorio di Milano, Accademia di Santa Cecilia in Roma, Berliner Festspiele di Berlino, Festival Internazionale di Tel Aviv, Festival di Campinas in Brasile, Passatge de la Pau a Barcellona, Festival di Spoleto, Lingotto a Torino, Duomo di Milano, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, Auditorium Parco della Musica di Roma, Teatro degli Arcimboldi di Milano, World Event Abu Dhabi, Teatro Carignano di Torino, Maiden Tower di Baku in Azerbaijan, Teatro Bibiena di Mantova, Festival di Ravello, Teatro Morlacchi di Perugia, International House of Music – Mosca, Beloselskih- Belozerskih Palace – San Pietroburgo, Conservatorio di Istanbul, Palazzo Reale di Milano, Auditorium della Radio Nazionala Slovacca – Bratislava, Ankara Piano Festival, Teatro del Giglio di Lucca, Open Air Theatre – Expo Milano 2015 e molti altri.

FELICE CIMATTI

220px-felice_cimattiLaureato in Filosofia alla Sapienza, con una tesi sui linguaggi animali, Felice Cimatti è professore di Filosofia della Comunicazione, Semiotica e Teoria della Mente all’Università della Calabria e insegna all’Istituto Freudiano di Roma. Nel 2012 gli è stato conferito il Premio Musatti della SPI – Società Psicoanalitica Italiana E’ conduttore del programma rediofonico attualità culturale “Fahrenheit” (Radio 3) e del programma televisivo “Zettel. Fare filosofia” (Rai Scuola). È condirettore, assieme a Francesca Piazza e Alfredo Paternoster, della Rivista Italiana di Filosofia del Linguaggio. Tra le sue numerose pubblicazioni, ricordiamo: “La scimmia che si parla. Linguaggio autocoscienza e libertà nell’animale umano” (Bollati Boringhieri, 2000); “La mente silenziosa. Come pensano gli animali non umani” (Editori Riuniti, 2000); “Mente e linguaggio negli animali. Introduzione alla zoosemiotica cognitiva” (Carocci, 2002) “Il senso della mente. Per una critica del cognitivismo” (Bollati Boringhieri, 2004); “Il volto e la parola. Psicologia dell’apparenza” (Quodlibet, 2007); “La vita che verrà. Biopolitica per «Homo sapiens»” (Ombre Corte, 2011); “Naturalmente comunisti. Politica, linguaggio ed economia” (Mondadori, 2011); “Filosofia della psicoanalisi. Un’introduzione in ventuno passi” (insieme a Silvia Vizzardelli – Quodlibet 2012); “Filosofia dell’animalità” (Laterza, 2013); “Corpo ,Linguaggio e psicoanalisi” (con Alberto Luchetti – Quodlibet 2013); “A come animale. Per un bestiario dei sentimenti” (con Leonardo Caffo – Bompiani, 2015); “Il taglio. Linguaggio e pulsione di morte” (Quodlibet, 2015)


FABIO GIOMMI

giommiPsicologo clinico e psicoterapeuta, Fabio Giommi è presidente di AIM-Associazione Italiana per la Mindfulness www.mindfulnessitalia.it. È direttore di Nous-Scuola di Specializzazione quadriennale in Psicoterapia Cognitiva-Costruttivista e Mindfulness di Milano. É ricercatore neuroscientifico all’Università di Njimegen (Olanda) e prefatore dell’importante testo “Mindfulness. Al di là del pensiero, attraverso il pensiero” di Segal, Williams e Teasdale (Bollati Boringhieri).