Fondazione Zoé

Anche i batteri, e non solo i virus, possono causare attacchi d’asma nei bambini. Lo rivela uno studio dei ricercatori del Danish Paediatric Asthma Centre (Dpac) dell’Università di Copenhagen e del Gentofte Hospital. La scoperta potrebbe rivoluzionare il trattamento della malattia respiratoria. Fino ad oggi, infatti, uniche colpevoli di attacchi d’asma, respiro corto e tosse erano considerate le infezioni virali, che però non possono essere trattate. Scoprire che anche quelle batteriche hanno un ruolo nell’asma pediatrico fa ben sperare i ricercatori, visto che queste infezioni possono essere curate con antibiotici.

Lo studio, pubblicato su “British Medical Journal”, ha preso in esame 361 bambini di età compresa tra le quattro settimane e i tre anni, per determinare la presenza di infezioni virali e batteriche durante gli attacchi di asma acuti. Dai risultati è emerso che il numero di attacchi era stato alto nei bambini colpiti da infezioni respiratorie batteriche quanto in quelli con infezioni virali. “Questo indica che i batteri possono peggiorare i sintomi dell’asma anche se non sono stati infettati da un virus“, spiega nello studio Hans Bisgaard, professore di pediatria al Dpac. “La scoperta – continua lo studioso – apre la strada a un nuovo trattamento. Non possiamo curare le infezioni virali, ma ulteriori studi permetteranno di capire se il trattamento con antibiotici può aiutare i bambini a combattere contro gli attacchi asmatici quando è presente anche un’infezione batterica”.

Gli effetti degli antibiotici saranno esaminati in uno studio su larga scala che sarà condotto sempre dal Danish Paediatric Asthma Centre. L’incidenza dell’asma pediatrico risulta raddoppiata negli ultimi dieci anni, e in Danimarca un bambino su dieci in età scolare ne è affetto, mentre uno su cinque manifesta i sintomi, tanto che in questo paese l’asma è la principale causa di prescrizioni mediche e di ospedalizzazione.
 

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter