Fondazione Zoé
L’asma è la patologia cronica più diffusa tra i bambini e rappresenta la principale causa di visite in medicina d’urgenza. Nonostante la medicina d’urgenza rimanga punto di contatto per i bambini asmatici per la gestione delle forme acute e croniche dell’asma, il modo migliore per stabilire un controllo a lungo termine di questa patologia è mettere in pratica misure preventive.

Un recente articolo apparso sul Journal of Asthma riferisce di un nuovo approccio comportamentale definito Pediatric Asthma Alert (PALL), volto a migliorare l’efficacia delle misure preventive in bambini che abbiano precedentemente avuto una visita in medicina d’urgenza. Allo studio, condotto negli Stati Uniti a Baltimora, hanno partecipato circa 300 bambini, con asma persistente, quasi tutti afroamericani residenti in area urbana, di età compresa tra i 3 e i 10 anni.

L’intervento PALL prevedeva, nell’arco di 12 mesi, due visite domiciliari da parte di un’infermiera professionale (per dare informazioni alle famiglie sui fattori che possono favorire l’attacco asmatico, sulla posologia dei farmaci e sull’uso dei device per la loro corretta assunzione – ad esempio gli inalatori –  o sulla registrazione accurata della terapia e della sintomatologia asmatica) e una visita finale con il medico specialista. La maggior parte delle famiglie sono state coinvolte con successo in questo programma di prevenzione domiciliare. Infatti il 71% dei bambini ha completato il programma fino alla visita finale con lo specialista.

I migliori risultati sono stati ottenuti con i bambini più piccoli (3-5 anni), che già disponevano di un piano di azione per la gestione dell’asma.
Difficoltà a completare il programma si sono rilevate con i bambini in età più elevata o con quelli che avevano i genitori molto stressati o per il loro tipo di vita o per l’attenzione richiesta dalla malattia asmatica dei figli, suggerendo in questi casi la necessità di un supporto educativo maggiore.
Inoltre lo studio ha messo in evidenza che l’assenza di un piano di azione per la gestione dell’asma potrebbe essere un indicatore di barriere preesistenti alla prevenzione.

Fonte: A. M. Butz, 2012. Per approfondimenti: Pubmed 

 
 
Articolo nato dalla collaborazione tra la Fondazione Zoé e il CCF – Centro Studi di Comunicazione sul Farmaco dell’Università di Milano, per approfondire la letteratura in materia di Comunicazione della Salute. Vedi pagina Collaborazioni.

Archivi

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Iscriviti alla Newsletter